builderall

My Image

Non lo capisco e infatti non lo devo capire.

Non è quello il suo scopo: essere capito.

E allora qual è?

Perché io so che c?è uno scopo. Un motivo, un senso.

Non intuitivo ma ci deve essere.

Come è possibile che accadano alcune cose che al solo pensiero mi muore il cuore.

Credo di avere una superdotazione di compassione.

Sento tanto, sento forte e questo ha stimolato in me la crescita di due abilità:

  1. riesco a percepire fisicamente il dolore, il piacere, le emozioni mie e degli altri
  2. per sopravvivere gli trovo un posto dentro di me e le restituisco al mondo come concime di nuove consapevolezze e amore

Ma quando succede qualcosa di così forte i miei muscoli anche se allenati traballano.

Capisco, o meglio affronto ed elaboro il fatto che esista la deviazione di qualcuno. Credo faccia parte dell?essere umano.

Il brutto c?è, non mi piace e questo è ok, ma c?è.

C?è perché serve al bello.

Il cattivo serve al buono.

Come il buio serve alla luce.

Quindi ok.

C?è chi uccide, chi tortura, chi ferisce, chi fa male.

C?è chi lo fa con chi è più debole ed indifeso.

C?è chi lo fa con i bambini.

Mi strazia ma c?è, e per quanto impossibile da accettare, probabilmente c?è sempre stato e ci sarà sempre: il prezzo da pagare per essere umani.

Ma poi che ci sia anche chi si diverte a guardare è già un po? troppo.

Già difficile da contemplare in un disegno più grande, un gradino troppo su per me.

E non basta, c?è chi ci specula, ci guadagna, ci si arricchisce, ne fa un business.

Qui il livello è oltre le mie capacità.

E nel meccanismo della mente di trovare un significato mi spunta la domanda:

se il buio serve alla luce, che luce c?è dietro a questo?

Perché la luce c?è.

La luce c?è sempre.

In ogni cosa, in ognuno di noi, c?è.

Allora cerco. Continuo a cercare nel posto dove trovo ogni cosa: dentro di me.

Quale luce vuole accendere in me questo buio?

Se mi fa stare male significa che mi sta dicendo qualcosa.

Se mi fa soffrire, mi sta indicando una strada.

Intanto scrivo, e condivido.

Forse la luce che cerco è nascosta dentro queste parole.